Seleziona una pagina

18 persone indagate a vario titolo per maltrattamenti e sequestro di persona, nell’inchiesta della Procura di Potenza sul centro di riabilitazione Don Uva. Le telecamere nascoste fatte installare all’interno della struttura sanitaria hanno fatto emergere scene di particolare crudezza all’interno del reparto M6. Pazienti sottoposti a un’inaudita violenza, legati mani e piedi alle spalliere del letto. Materassi sporchi di feci, urina e sangue, gabbie metalliche al posto dei letti.  A finire ai domiciliari sette persone, tra operatori sociosanitari e animatori. Indagato, e destinatario di divieto di dimora il direttore del centro, Agatino Lino Mancusi, medico ed ex assessore regionale. Divieto di dimora anche per altri due medici.