Seleziona una pagina

La Procura di Potenza ha ascoltato il Capo di Stato Maggiore della Marina, Giuseppe de Giorgi, indagato per abuso di ufficio nell’inchiesta sul petrolio. “Sarebbe un Paese molto strano se a seguito dell’opera di un gruppo di corvi, di diffamatori, un Capo di Forza armata si dimettesse: sarebbe un precedente assai pericoloso per una nazione che voglia essere democratica”. Sono le parole dell’ammiraglio all’uscita dell’interrogatorio tenuto al Tribunale di Potenza. De Giorgi ha poi ribadito che “la difesa è la difesa dell’istituzione prima ancora che dell’uomo, fermo restando che se io dovessi aver commesso errori ne risponderò nelle sedi opportune”. Il legale di De Giorgi ha affermato che il suo assistito “ha reso dichiarazioni spontanee ai pubblici ministeri di Potenza” e che verrà richiesta l’archiviazione per la posizione dell’ammiraglio.