centralino 0971 469 466 | diretta 0971 449 055 • SMS 339 31 31 100 scrivi@radiotour.fm
Seleziona una pagina

Un incontro per dire “No” alla richiesta della Shell di valutazione di impatto ambientale, da parte di alcuni comuni del potentino. La multinazionale ha chiesto ai comuni una autorizzazione ad una raccolta di dati sul territorio. L’autorizzazione, se fosse concessa, rinnoverebbe la concessione estrattiva del 2005. Quindi i comuni di Pignola, Potenza, Abriola, Anzi, Brindisi di Montagna e Tito hanno detto “no” a qualsiasi richiesta. Nonostante lo “Sblocca Italia” ha privato agli enti locali di decidere sul tema del petrolio, i comuni possono invocare il “Principio di precauzione sulla salute dei cittadini” sancito dalla Comunità Europea. Se le risposte alle osservazioni che i comuni presenteranno saranno insoddisfacenti, i sindaci sono pronti a ricorrere alla Corte Europea.

Share This