centralino 0971 469 466 | diretta 0971 449 055 • SMS 339 31 31 100 scrivi@radiotour.fm

“La presenza di Eni in Basilicata ha portato solamente povertà e distruzione”. A dichiararlo in una lettera aperta è il consigliere regionale del Movimento 5 Stelle, Gianni Leggieri. Una risposta alle dichiarazione pubblicate nei giorni scorsi dalla stampa, dell’amministratore delegato dell’Eni, Claudio Descalzi, che parlava di inevitabile stop del Cova, discolpava l’Eni dall’accusa di essere un “avvelenatore” e dichiarava l’intenzione di creare “benessere e opportunità di crescita”. Il pentastellato afferma che l’unico interesse di Eni è il profitto. “Da quando sono iniziate le attività estrattive in Val d’Agri – dice Leggieri – le aziende agricole della zona si sono dimezzate e negli ultimi 20 anni la popolazione è diminuita di circa 12 mila unità”. Il consigliere parla di un ritorno occupazionale determinato dall’industria del petrolio assai misero per gli abitanti della Basilicata.

Share This