Seleziona una pagina

Dopo le motivazioni del Tribunale del riesame sulla fondatezza della decisione di mantenere il sequestro di alcune strutture del Cova, un portavoce dell’Eni ha affermato che la multinazionale del greggio “ribadisce la correttezza del proprio operato e conferma che il Centro Olio Val d’Agri rispetta le best practice internazionali”.  La compagnia ha ribadito “la massima collaborazione alla magistratura e il proprio interesse a che possa essere fatta chiarezza sulla vicenda. Gli esiti delle perizie indipendenti che la società ha promosso, non solo ribadiscono la correttezza dell’impianto ma anche l’assenza di rischi sanitari e ambientali”.