centralino 0971 469 466 | diretta 0971 449 055 • SMS 339 31 31 100 scrivi@radiotour.fm

Nell’ambito dell’inchiesta sul petrolio lucano, domani sarà ascoltato dalla magistratura, Gianluca Gemelli, l’imprenditore siciliano, compagno dell’ex ministro Guidi, che avrebbe avuto un ruolo fondamentale sia nel filone Total – Tempa Rossa, sia in quello relativo al porto di Augusta. Nell’inchiesta relativa al centro oli di Corleto Perticara, Gemelli è accusato di corruzione. L’imprenditore siciliano avrebbe chiesto all’ex sindaco del comune lucano, Rosaria Vicino, di intercedere presso i vertici della Total, per ottenere appalti nella costruzione del centro oli in cambio di utilità di vario genere. Nel filone relativo al porto di Augusta, Gemelli sarebbe indagato per traffico di influenze illecite ed altri reati in concorso con altri funzionari pubblici ed imprenditori tra i quali Ivan Lo Bello, vice-presidente nazionale di Confindustria. Gemelli sarebbe stato il perno di un comitato di affari interessato alla concessione di un pontile ed ad altre circostanze sullo scalo siciliano.

Share This