Seleziona una pagina

Un uomo della provincia di Potenza è stato condannato dal Tribunale del capoluogo lucano, a sei anni di reclusione, per violenza sessuale ed esercizio abusivo della professione. Il pm aveva chiesto una condanna a sette anni e mezzo. I fatti risalgono al 2011 quando l’uomo, sarebbe stato contattato da una donna con ripetuti problemi di salute, per effettuare delle sedute di massaggi. Durante una delle sedute, che si sono svolte nell’abitazione della donna, la paziente è stata massaggiata in modo spinto. La cosa ha portato la donna a decidere di denunciare la vicenda ai Carabinieri che hanno anche scoperto che l’uomo non aveva ne titoli ne qualifiche per esercitare la professione, tanto meno autorizzazioni per il suo studio fisioterapico.