centralino 0971 469 466 | diretta 0971 449 055 • SMS 339 31 31 100 scrivi@radiotour.fm

Nell’ambito del processo sulla cosiddetta “Operazione Agates”, che nel febbraio 2013 portò all’arresto tra gli altri del sedicente “Mago Sal”, è stata ascoltata la deposizione di una testimone, la quale ha dichiarato che il falso santone “sosteneva di avere pozioni magiche e di saper guarire malati con riti speciali”. La donna avrebbe confermato che il gruppo ricorreva a pressioni psicologiche e, in alcune circostanze, anche alla somministrazione di bevande psicotrope, per abusare delle vittime. Una parte dell’udienza si è tenuta a porte chiuse su richiesta della teste.

Share This