Seleziona una pagina

La Cgil chiede una svolta nella gestione degli asili nido in Basilicata, dove si lamenta una carenza culturale prima ancora che di servizi in materia. In regione i servizi sono largamente insufficienti. Nonostante ciò, si registra un rincaro delle tariffe: a Matera si è arrivati a prezzi, per un reddito medio, di addirittura 350 euro mensili, contro i 232 per esempio di Milano. L’anno scorso, denuncia il sindacato, il taglio da parte della Regione è stato di ben 500 mila euro alle sezioni primavera. Secondo i dati Istat sull’offerta comunale di asili nido, afferma la Cgil, la Basilicata si attesta sul modesto 6,9%, e cioè meno di sette posti per ogni 100 bambini.